Crea sito

Il problema dell’estate

Da quando, un anno fa circa, l’ho letta per la prima volta questa frase mi è sembrata utilissima. E in questo anno che è trascorso, da quando l’ho letta per la prima volta, non ha smesso di essere in effetti utilissima: a spiegare, a capire, a scacciare.

La frase l’ho trovata qui è

una frase di Viktor Šklovskij che, a proposito del racconto di Čechov Uva spina, scriveva: «Alla fine dell’Uva spina il protagonista è contento di sé; e questo è il dramma più terribile, che un uomo sia contento della propria esistenza».

Per esempio è una frase utilissima a spiegare un certo malessere che si prova, almeno io lo provo, nei momenti di compiacimento di me. Il senso del ridicolo, inesorabile, che si prova nell’autocompiacimento.

Quella frase lì è come un amuleto, un feticcio d’antidoto contro l’inesorabile senso del ridicolo che coglie nel compiacimento di sé. La evoco e mi passa, una preghiera.

Il problema viene però specialmente nell’estate, quella stagione dove in tanti camminano come pensando d’essere particolarmente osservati e degni, soprattutto, d’essere osservati. La stagione dove il compiacimento di sé si raggruma e diffonde a un tempo solo. In tante occasioni vedi il compiacimento di sé, delle proprie prenotazioni, dei propri gusti, che cammina, vestito leggero.

Io personalmente non ho nulla contro l’estate; come tutti, credo, mi piacciono il tepore, il mare, il pesce e il vino bianco. Ma trovo che d’estate quella frase sia ancora più utile che nelle altre stagioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.